[Le amiche della sposa, parte terza] I sì e i no per l’ospite perfetta

[Le amiche della sposa, parte terza] I sì e i no per l’ospite perfetta

Care Spose e care Amiche delle Spose, ecco che di nuovo, in questo periodo dell’anno in cui si infittiscono gli inviti ai matrimoni delle amiche, vi dedico un altro post sull’invitata perfetta! Dopo avervi dato qualche consiglio per come stare accanto alla vostra migliore amica che sta per sposarsi senza rovinare né l’amicizia né il matrimonio 😉 e dopo avervi presentato il meraviglioso servizio di Drexcode.com per noleggiare abiti firmati e presenti nei negozi attualmente ad un piccolissimo prezzo, oggi vi darò consigli di bon ton per il vostro look e per il comportamento da tenere prima e durante il matrimonio delle vostre amiche.

nastri in facciata al Ristorante di Ilario Vinciguerra, Le Mille e una Nozze. Ph. Maurizio Anderlini

nastri in facciata al Ristorante di Ilario Vinciguerra. Le Mille e una Nozze per Emilia e Fabrizio. Ph. Maurizio Anderlini

No ad abiti neri e bianchi. Il nero è , nella nostra cultura, il colore del lutto, quindi riservato a momenti tristi e il fatto che un matrimonio si celebri la sera e poi prosegua con una festa notturna, non autorizza le invitate a vestirsi di nero…in questo caso il nero non è elegante, ma solo cafone! Idem per il bianco: tale colore è riservato tradizionalmente alla sposa, quindi va assolutamente evitato da parte delle invitate. Bianco e pure crema, avorio, champagne e così via!

No a minigonne vertiginose

No a scollature profonde e spalle nude per la cerimonia religiosa

Quando riceve l’invito (l’invito è il cartoncino che riporta il nome/indirizzo del ristorante e che quindi invita a partecipare al ricevimento) ad un matrimonio, l’ospite perfetta si premura di confermare (o disdire la propria presenza) perché quelle letterine magiche R.S.V.P. che si trovano in fondo agli inviti, sono proprio la formula elegante per chiedere risposta (Répondez, S’il Vous Plait). Una volta confermato, non si disdice la presenza ad un matrimonio se non in caso di gravissimo impedimento. Succede spesso che gli sposi si trovino, poche settimane prima delle nozze, a dover chiedere agli invitati se parteciperanno e in quanti…bè, non è proprio elegante che questo accada!

In seconda battuta, l’ospite invitata ad un matrimonio, si premurerà di chiedere agli sposi se c’è una lista nozze, in quale negozio o agenzia sia stata fatta e come fare per far loro un pensiero, in modo che non siano gli sposi a doverlo comunicare forzatamente (già, perché gli sposi che vogliono rispettare il bon ton NON accluderanno alle partecipazioni ALCUN biglietto da visita di negozi o agenzie viaggio 😉 )

welcome table by Le Mille e una Nozze

welcome table by Le Mille e una Nozze

Altra raccomandazione di bon ton per l’ospite perfetta (in realtà vale per tutti, ospiti femminili e maschili, ma si sa che chi passa a leggere questo blog è soprattutto ospite femminile ;)) è di trattenersi dall’organizzare scherzi/divertissement/fuori programma proprio perché chi ha organizzato il matrimonio, sposi in prima persona o wedding planner , avrà già previsto i tempi della giornata ed eventuali intrattenimenti…il vostro scherzo a sorpresa rischia appunto di  scombinare i piani fatti e far sì che, ad esempio, tutti gli invitati ricevano il risotto scotto perché voi avete allestito una sorpresa senza comunicarlo a nessuno proprio prima del servizio. La preghiera è sempre, se c’è un wedding planner contattatelo per tempo. Se invece volete organizzare qualcosa, fatelo accordandovi fra amici, in modo che non si siano doppioni o sovrapposizioni di idee.

Allestimento tavolo imperiale Le Mille e una Nozze per Cecilia e Alessandro

Allestimento tavolo imperiale Le Mille e una Nozze per Cecilia e Alessandro

Lanci di riso, coriandoli, lanterne volanti, farfalle, colombe sono sempre qualcosa da concordare con il sacerdote o il titolare della location, ancora più che con gli sposi, e sono cose che generalmente, se ammesse, gli sposi hanno pensato da soli di organizzare! Quindi è inutile che gli ospiti se ne preoccupino.

sacchettini di riso da lancio personalizzati per Simona e Lorenzo. Le Mille e una Nozze

sacchettini di riso da lancio personalizzati per Simona e Lorenzo. Le Mille e una Nozze

Il placement, ovvero l’assegnazione dei posti, è, nella maggior parte dei casi, a cura degli sposi, quindi consiglio al buon ospite di non polemizzare per il posto assegnato, né perché non si è al tavolo con gli amici con cui si avrebbe desiderato. Assegnare i posti a tavola è sempre una grande complicazione, quindi accettate il posto assegnato e sorridete!

Segnaposti personalizzati per Emilia e Fabrizio

Segnaposti personalizzati per Emilia e Fabrizio

Lasciate a casa i bambini! Nella maggior parte dei casi, i matrimoni non sono fatti per i bambini. Se proprio volete portarli, chiedete se è previsto un servizio di animazione o baby sitting, ma in ogni caso tenete conto che il pupo è vostro, quindi non è il caso di lasciarlo in affido dall’aperitivo alla torta senza mai andare a vedere cosa succede nella zona dedicata ai più piccoli. Divieto assoluto di portare bambini di età inferiore ai due anni…per loro sarebbe un vero strazio stare in mezzo alla gente, al caldo, alla confusione, alle grida…giornata guastata per il bimbo, i genitori e diversi altri ospiti di sicuro.

Ogni dettaglio, allestimento, decoro posizionato nella location di un matrimonio, ci si trova per una ragione, soprattutto se l’evento è stato organizzato da un wedding planner o da una sposa super attenta (e quasi tutte le spose lo sono!), quindi l’ospite perfetto non modifica, non rimuove, non danneggia, non sposta nessun decoro. E se al termine dell’evento l’ospite desidera portare con sé un cadeau del matrimonio, tipo un centrotavola floreale, è bene che chieda all’organizzatore o al referente del catering: molto spesso i decori sono a noleggio e gli sposi dovranno pagare una penale se non tutto tornerà al noleggiatore o se tornerà danneggiato.

Dettagli dell'allestimento del tableau de mariage. Le Mille e una Nozze

Dettagli dell’allestimento del tableau de mariage. Le Mille e una Nozze

A meno di impegni gravi e impellenti, non ve ne andate prima del taglio della torta. Quello è il momento che sancisce ufficialmente la fine della festa, gli sposi attenti lo sanno e fanno sì che il taglio della torta segua, di poco, la cena. Tutto il resto, musiche, danze, buffet dei dolci, sweet corner, confettate, dediche, primi balli avviene dopo. Ogni ospite dovrebbe rimanere fino al taglio della torta.

Salutate gli sposi prima di andarvene e non ritirate la bomboniera da soli, nemmeno se sono tute in bella mostra su un tavolo e voi avete fretta di andarvene. Gli sposi, in quel giorno, sono, giustamente, al centro delle attenzioni di tutti, chiunque desidera una foto con loro, una loro attenzione, porgere loro le congratulazioni e poter ammirare la sposa da vicino…e gli sposi sono solo in due! quindi abbiate pazienza, è il loro giorno e voi siete lì per loro, per festeggiarli e gioire insieme.

Le Mille e una Nozze. Ph. Sergio Amici

Le Mille e una Nozze. Ph. Sergio Amici

E a questo punto…godetevi la festa!
Molto spesso, lo vedo ogni giorno con gli sposi che seguo, il comportamento di amici e parenti invitati alle nozze, è fonte di stress per gli sposi e invece la vicinanza delle persone amate dovrebbe essere solo una gioia ed un piacere…quindi, care Amiche della sposa e cari Ospiti in genere, fate un piccolo sforzo e rendete davvero memorabile il giorno delle nozze dei vostri amici!

E a voi, è mai capitato di assistere a scene imbarazzanti provocate dagli ospiti di un matrimonio?
Raccontatemele qui.

Ilaria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *